Vs. reali Alberi di Natale finti

Una delle tradizioni familiari a cui ho insistito per continuare fin dalla mia infanzia è un viaggio annuale per abbattere un nuovo albero di Natale.





bevanda elettrolitica fatta in casa per la disidratazione




L'anticipazione della nostra lunga e rilassante passeggiata attraverso acri di terra coltivata mi dà sensazioni calde e nostalgiche. La maggior parte degli anni preparo un thermos di cioccolata calda e ci ribelliamo contro la corsa delle vacanze saltellando (per ore a volte) attraverso navate di pini aromatici.

La ricerca di l'albero perfetto riguarda meno la perfezione e più divertimento, relax e tradizione. Il nostro viaggio in una fattoria sugli alberi nelle montagne della Carolina del Nord occidentale quest'anno è stato al di là pittoresco e rilassante.

Non è stato fino a pochi anni fa che ho persino iniziato a prendere in considerazione altro ragioni per acquistare un vero albero a Natale, sapevo solo di volerne uno. Ma più leggevo e facevo ricerche su questa tradizione delle vacanze, più senso aveva.

Albero reale contro artificiale

Alberi veri

  • Ogni volta che acquisti un vero albero di Natale da una fattoria americana, stai dando un contributo a quell'economia locale.
  • Secondo la National Christmas Tree Association (NCTA), ci sono circa 15.000 fattorie di alberi di Natale negli Stati Uniti, che impiegano oltre 100.000 individui.
  • L'NCTA stima che oltre 350.000 acri di terreno agricolo negli Stati Uniti siano utilizzati specificamente per coltivare alberi di Natale, preservando prezioso spazio verde.
  • I veri alberi di Natale assorbono l'anidride carbonica e altri gas nocivi dall'ambiente e rilasciano ossigeno nell'aria. Inoltre, rilasciano alberi giovani e in rapida crescita Di Più ossigeno e assorbire Di Più anidride carbonica rispetto agli alberi maturi. (fonte)
  • Gli alberi veri sono rinnovabili e riciclabili.
  • È possibile acquistare un albero in vaso vivo che viene piantato all'aperto dopo Natale. (Pensavamo tutti che mio padre fosse pazzo la prima volta che lo faceva. Dopo alcuni anni di questa apparente follia, ci siamo resi conto di avere una piccola foresta che spuntava accanto a casa nostra. Perfetto per nascondino. Grazie, papà!)
  • Per ogni vero albero di Natale abbattuto, un altro viene piantato al suo posto per garantire una fornitura costante.
  • Migliaia di programmi di riciclaggio, noti anche come treecycling, sono stati avviati in tutto il paese. Alcuni alberi sono scheggiati per produrre pacciame biodegradabile per parchi e campi da gioco. Altri sono usati su spiagge o letti fluviali per aiutare con l'erosione della sabbia e del suolo o fungere da barriere al vento e all'acqua. Altri ancora sono usati per creare un habitat sicuro e un'area di alimentazione per la vita acquatica quando affondato in stagni e laghi.
  • Pianificare un viaggio per abbattere un albero di Natale promuove l'unione familiare e molto spesso diventa una tradizione familiare cara.
  • Potresti essere abbastanza fortunato da vivere sulla terra dove puoi tagliare un albero di Natale gratis!
  • Ammettiamolo: non puoi battere la fresca fragranza di pino che un vero albero crea nella tua casa.

Alberi artificiali

  • Gli alberi finti sono prodotti con materie plastiche a base di petrolio. La produzione di materie plastiche non rinnovabili richiede risorse naturali dal nostro ambiente che non possiamo recuperare una volta che se ne sono andate.
  • La maggior parte degli alberi finti sono realizzati con polivinilcloruro (PVC), che è noto per rilasciare biprodotti tossici durante la produzione. Inoltre, la produzione di componenti in plastica e metallo consuma molta energia.
  • Molti alberi artificiali più vecchi sono contaminati da tossine metalliche, come il piombo.
  • Gli alberi di Natale artificiali possono essere usati per diversi anni, ma alla fine finiscono tutti in discarica.
  • Gli alberi falsi non sono biodegradabili o riciclabili. Una volta che sono diventati spazzatura in una discarica, alberi finti rimarranno lì per decenni.
  • La maggior parte degli alberi artificiali venduti negli Stati Uniti vengono spediti da Cina, Corea o Taiwan, aumentando ulteriormente l'impatto ambientale di questi alberi.

Il vero vince a casa mia

In questa economia, molte famiglie potrebbero non voler sborsare soldi per un vero albero di Natale e potrebbero invece optare per erigere un albero artificiale. A casa mia, questo non lo farà. Calcoliamo il costo di un albero fresco nel nostro budget ogni anno e attendiamo con impazienza la nostra gita sul campo. Giustifichiamo il costo ricorrente di un albero fresco pesandolo sull'impatto ambientale di un albero artificiale.







Non ci preoccupiamo degli aghi sul tappeto, dell'irrigazione occasionale o della linfa che potrebbe finire sui nostri cappotti invernali. I mobili vengono riorganizzati per fare spazio al bellissimo gigante verde, perché è un punto fermo della famiglia per circa due mesi solidi. Yipeeee!

E tu?

Acquistate un albero vero o preferite l'artificiale, e perché?


Circa L'Autore

Carla Gozzi

Carla Gozzi È Nato A Modena, 21 Ottobre 1962 E Vive Tra La Sua Città Natale, Milano E New York. Ha Iniziato A Lavorare Nel Campo Della Moda Come Stilisti Assistente, Tra Cui Jean-Charles De Kastelbayaka, Christian Lacroix, Calvin Klein Ed Ermanno Servin. Charles Partecipa Anche Come Osservatore Alle Sfilate Di Moda Ed È Stato Un Allenatore In Stile.